Peperoni gratinati in padella. Le ricette vegetariane di casa

0
i peperoni se puliti e non infarciti di ogni cosa vanno via come l’acqua
Ci si lamenta a volte che i peperoni sono pesanti a digerirsi. Invece se puliti e non infarciti di ogni cosa, vanno via come l’acqua

Ci si lamenta a volte che i peperoni sono pesanti a digerirsi. Invece se puliti e non infarciti di ogni cosa, vanno via come l’acqua.

Ricetta vegetariana di Peperoni gratinati in padella. Tempo di cottura 45 minuti. Difficoltà: Facile. Ingredienti per 4 persone – 8 peperoni grossi (rossi e verdi).

Ingredienti

8 peperoni grossi (rossi e verdi) – 4 persone

  • peperoni grandi (8)
  • pangrattato (200 g)
  • aglio intero
  • olio
  • sale
  • vino bianco
  • spezie: timo, maggiorana e zenzero
  • peperoncino intero.

Preparazione

Pulire i peperoni, togliendo tutti i filamenti interni bianchi e i semi, lavarli e dividerli in listarelle da 2 cm l’una, ricavando poi dei pezzettoni di circa 2×4 cm.

Rilavare tutto.

In una padella antiaderente molto capiente tagliare il peperoncino a pezzettini e mettere lo spicchio d’aglio (che si può lasciare, perché poi si sfalda, oppure poi toglierlo) e dell’olio.

Far rosolare l’aglio senza farlo bruciare.

Togliere la padella dal fuoco, versare i peperoni a pezzi e rimetterla sul fuoco.

Mettere un po’ di sale e le altre spezie (zenzero, timo e maggiorana).

Mettere il coperchio e cucinare fin tanto che l’acqua rilasciata dai peperoni non si riduce un po’ (non devono friggere, bensì essere stufati nella loro stessa acqua), cioè circa 30-45 minuti.

Mescolare di tanto in tanto.

Intorno alla mezz’ora circa di cottura, aggiungere 2 cucchiai di vino bianco e farlo evaporare (togliendo il coperchio). Intanto preparare il pangrattato con un pochino di sale. Incorporare il pangrattato a cucchiaiate ai peperoni (con il fuoco ancora acceso), mescolando per amalgamare il tutto.

Aggiungere un filo d’olio per insaporire il pangrattato e mescolare ancora, finendo di incorporare il tutto.

Quando il pangrattato è umido e ben amalgamato con i peperoni, mettere un altro filo d’olio, spegnere il gas e chiudere il coperchio.

Lasciare riposare per almeno 15-20 minuti.

Accendere il forno ventilato a 180° e far cuocere per circa 45 minuti o comunque finché non diventano ben dorati.

Se le teglie sono due, ogni tanto vanno cambiate di posto.

I Peperoni gratinati in padella sono pronti: BUON APPETITO.

Qualche notizia sui peperoni.

Le varietà di peperoni producono frutti di differenti forme (allungata, conica, a prisma o a globo), superfici (liscia o costoluta), colori (verde, rosso, giallo, arancione, violetto) e sapore (acre o dolce). I peperoni vengono consumati sia freschi (crudi o cotti), sia in alcuni casi essiccati (ad esempio il peperone crusco).

Pur provenendo dal medesimo genere di piante, il peperone si differenzia dal peperoncino poiché non contiene la capsaicina, che è invece responsabile della piccantezza peperoncino: un peperone ha pertanto valore zero nella scala di Scoville, la scala di misura della piccantezza.

Il peperone – come anche il peperoncino la varietà piccante – è giunto in Europa grazie a Cristoforo Colombo con la scoperta dell’America. Ci pensarono poi gli spagnoli a commercializzarlo e diffonderlo in Italia e nel tempo in tutto il mondo.

Dal punto di vista nutrizionale questi ortaggi sono molto ricchi d’acqua, oltre il 90% del peso, e quindi molto poco calorici. Contengono una buona quantità di vitamina C, e nel peperone rosso spicca il contenuto in provitamina Nel peperone verde, invece, è più interessante il contenuto in vitamina B. Scarsissimi i lipidi, poco abbondanti le fibre, buono invece il contenuto in potassio, accompagnato da altri sali minerali quali fosforo, magnesio e calcio.

Sebastiano Adduso

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments